Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Navigando questo sito, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla pagina della legislazione europea e clicca qui

 

pastarchives

Semi sul sentiero di San Francesco

Francesco,Vangelo vivente

Nel 2009 la famiglia francescana ha celebrato  l’VIII centenario dell’approvazione

della primitiva regola di San Francesco. Per l’occasione molti frati, religiose e laici

che si riconoscono nel carisma di Francesco si sono ritrovati ad Assisi per vivere

un momento di fraternità, ascolto e condivisione.

Al termine si sono incontrati con il Papa Benedetto XVI che ha rivolto loro un

significativo discorso.

Riportiamo alcuni brani che incoraggiano a perseverare sul sentiero tracciato da

Francesco.

«La Regola e vita dei frati minori è questa, cioè osservare il santo Vangelo del Signore

nostro Gesù Cristo: così scrive Francesco all'inizio della Regola bollata. Egli comprese

se stesso interamente alla luce delVangelo.Questo è il suo fascino.Questa

la sua perenne attualità. Tommaso da Celano riferisce che il Poverello "portava

sempre nel cuore Gesù. Gesù sulle labbra, Gesù nelle orecchie, Gesù negli occhi, Gesù

nelle mani, Gesù in tutte le altre membra... Anzi, trovandosi molte volte in viaggio e

meditando o cantando Gesù, scordava di essere in viaggio e si fermava ad invitare tutte

le creature alla lode di Gesù". Così il Poverello è diventato un vangelo vivente,

capace di attirare a Cristo uomini e donne di ogni tempo, specialmente i giovani,

che preferiscono la radicalità alle mezze misure. Il Vescovo di Assisi Guido e

poi il Papa Innocenzo III riconobbero nel proposito di Francesco e dei suoi compagni

l'autenticità evangelica, e seppero incoraggiarne l'impegno in vista anche

del bene della Chiesa».

«Carissimi, l'ultima parola che voglio lasciarvi è la stessa che Gesù risorto consegnò

ai suoi discepoli: "Andate!" (cfr Mt 28,19; Mc 16,15). Andate e continuate

a "riparare la casa" del Signore Gesù Cristo, la sua Chiesa… Ma c'è un'altra

"rovina" che è ben più grave: quella delle persone e delle comunità! Come

Francesco, cominciate sempre da voi stessi. Siamo noi per primi la casa che Dio

vuole restaurare. Se sarete sempre capaci di rinnovarvi nello spirito delVangelo,

continuerete ad aiutare i Pastori della Chiesa a rendere sempre più bello il suo

volto di sposa di Cristo»